I VESUVIANI

Una landa desolata. E’ l’impervio crinale del Vesuvio. Il sindaco di Napoli arranca sulla salita del monte. Durante la salita, accompagnato per un tratto da un corvo, loquace ed ironico interlocutore, incontra diversi personaggi, simboli e testimonianze di un mondo trasformato e deludente.

Lavoro collettivo più che vero e proprio film ad episodi, I Vesuviani, presentato in concorso al Festival di Venezia 1997, riunisce cinque registi diversissimi fra loro ed al tempo stesso legati dalle comuni origini. Antonio Capuano, Pappi Corsicato, Antonietta de Lillo, qui anche produttrice con la sua Megaris, Stefano Incerti e Mario Martone hanno tutti contribuito in questi ultimi anni, chi più chi meno, alla rinascita di un cosiddetto cinema napoletano, spesso apprezzato tanto dalla critica quanto dal pubblico, ma, si sa, ben difficilmente un film ad episodi riesce a confermare il valore dei propri autori ed anche I Vesuviani non sfugge, se non in minima parte, a questa certezza, rivelandosi come una delle maggiori delusioni della Biennale.

67

Category: CINEMA, FILMOGRAFIA
Tags:

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>